Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vietato accendere fuochi nelle campagne e in città fino al prossimo 30 settembre: il sindaco Annese proroga l’ordinanza

In caso contrario sanzioni fino a 10mila euro. Ecco le norme di comportamento per evitare gli incendi 

 

Fino al prossimo 30 settembre bisognerà fare attenzione a non accendere fuochi, far brillare mine o usare esplosivi o, comunque, materiale infiammabile perché si rischiano multe molto ‘salate’. Il sindaco di Monopoli Angelo Annese ha infatti emanato un’ordinanza che proroga a fine mese il divieto imposto il 15 giugno scorso ed in vigore fino al 15 settembre.

 

Regole generali. È tassativamente vietato accendere fuochi, far brillare mine o usare esplosivi, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare motori, fornelli o inceneritori che producano faville o brace, tenere in esercizio fornaci, forni a legna, discariche pubbliche e private incontrollate, fumare, gettare fiammiferi, sigari o sigarette accese e compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo immediato o mediato di incendio, esercitare attività pirotecnica, accendere fuochi d’artificio, lanciare razzi di qualsiasi tipo e/o mongolfiere di carta (lanterne volanti dotate di fiamme libere o altri articoli pirotecnici), transitare e/o sostare con autoveicoli su viabilità non asfaltata all’interno di aree boscate, transitare con mezzi motorizzati fuori dalle strade statali, provinciali, comunali, private e vicinali, gravate dai servizi di pubblico passaggio (fatta eccezione per i mezzi di servizio e per le attività agro-silvo-pastorali) e abbandonare rifiuti nei boschi e in discariche abusive.

 

Sanzioni. L’inosservanza di alcune disposizioni saranno punite con una sanzione amministrativa da un minimo di € 1.032,91 fino ad un massimo di € 10.329,14. Per altre inosservanze la sanzione amministrativa va da un minimo di 100 euro ad un massimo di 500 euro.