Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maione attacca l’assessore Iaia sulla questione turismo: si è eclissato. La replica: non è vero

Il consigliere comunale lamenta l’assenza di Monopoli dalle borse internazionali. La risposta: scelte altre vie

 

Botta e risposta sulla promozione turistica di Monopoli tra il consigliere comunale di Spazio Civico, Carlo Maione e l’assessore Cristian Iaia. Il consigliere contesta all’assessore di essersi eclissato e lamenta l’assenza di Monopoli alle borse internazionali del turismo. “Monopoli, così come altre realtà, - afferma Maione in una nota - vivrà nel 2021 il suo ‘anno zero’ e la città aspetta con ansia e trepidazione di conoscere quali saranno gli sviluppi futuri. Come accade in altri settori, anche il comparto turistico ha bisogno di programmare con largo anticipo le sue mosse per raggiungere risultati soddisfacenti nel medio e lungo periodo. Ma nulla è stato seminato in questi mesi. La sensazione è che lo sconforto, figlio dell’incompetenza e della sciatteria amministrativa, abbia preso il posto della voglia di rilanciare l’immagine della città”. “Immagino il TTG-Travel Experience di Rimini con almeno un rappresentante degli oltre 8 mila comuni d’Italia. Sai che assembramento!”: replica con una battuta l’assessore Iaia. “Partecipare alle fiere turistiche è importante certo – aggiunge - ma Monopoli ha scelto di farlo in maniera consorziata perché, come la Regione Puglia ci insegna, la promozione deve riguardare un intero territorio. Non è un caso che, in sinergia con i comuni a noi vicini, abbiamo dato vita al brand Costa dei Trulli. Il turista che oggi atterra in Puglia è attratto dalle bellezze di questo lembo di regione che include Monopoli ma anche Polignano, le grotte di Castellana, i trulli di Alberobello o la Valle d’Itria in generale. Poi, prendo il caso del TTG di Rimini e scopro che per attaccare il mio Assessorato si scomoda addirittura Matera, già capitale della cultura di una regione limitrofa, perché probabilmente delle altre centinaia di comuni pugliesi non c’è traccia se non attraverso l’azione di Pugliapromozione che rappresenta tutta la regione”.