Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via libera della giunta comunale al progetto per la realizzazione di dodici nuovi alloggi sociali

Alla Regione Puglia è stato chiesto un finanziamento per costruire la palazzina nei pressi della scuola Melvin Jones

 

La giunta comunale di Monopoli ha approvato un progetto per la realizzazione di dodici alloggi sociali e delle relative opere di urbanizzazione primarie e secondarie nei pressi della scuola di via Melvin Jones. Il progetto è stato candidato a finanziamento nell’ambito del  Programma dell’Abitare Sostenibile e Solidale della Regione Puglia. L’intervento prevede la realizzazione di alloggi di edilizia residenziale sociale nell’area PIRP (in via Luigi Piccinnato) da destinare sia alle fasce sociali in possesso dei requisiti per l'accesso al sistema dell'edilizia residenziale pubblica sovvenzionata, che a categorie di cittadini che superano i limiti di accesso (giovani coppie, anziani, diversamente abili, etc) ma che si trovano comunque in condizioni di disagio abitativo. In particolare, si prevede di realizzare una palazzina di 12 alloggi di edilizia sovvenzionata. Il progetto si completa con opere di urbanizzazioni primarie e secondarie con la sistemazione complessiva dell’ambito compreso tra via Luigi Piccinato e via Melvin Jones e l’area del ponte ciclopedonale su Lama Pagano. È prevista la realizzazione di nuovi spazi pedonali a servizio degli alloggi di ERP di recente e futura realizzazione e dei servizi esistenti nell’area, come l’asilo su via Melvin Jones, da poco costruito. Il progetto garantisce la viabilità ciclo-pedonale ed in particolare mira a riqualificare il vuoto urbano mediante la realizzazione di un ampio viale dotato di aree a verde e pubblica illuminazione, in modo che possa essere fruibile e utilizzabile in totale sicurezza. Inoltre, per quanto riguarda il ponte ciclopedonale su Lama Pagano, fanno parte del progetto le sponde delle rampe necessarie al raccordo ed al collegamento con la viabilità esistente e l’impianto di pubblica illuminazione.