Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Brevi dal municipio: cinque provvedimenti approvati dalla giunta comunale nell’ultima riunione

Le delibere riguardano due piste ciclabili, la realizzazione di una piazza, il restauro al Castello Carlo V e l’intitolazione di due vie

 

Nella seduta del 18 dicembre scorso la giunta comunale ha approvato cinque delibere. Di seguito i provvedimenti che hanno avuto il via libera.

 

 Pista ciclabile a sud. La giunta ha approvato il progetto definitivo dei lavori di ‘Valorizzazione della costa a sud dell'abitato mediante completamento del percorso promiscuo ciclo-pedonale di collegamento con le aree litoranee del lungomare via Procaccia – Santo Stefano e mitigazione idrogeologica della Lama di Marga’ dell’importo complessivo di € 1.700.000. L’opera si pone in continuità con un precedente lotto per la realizzazione del percorso promiscuo ciclo-pedonale di collegamento delle aree litoranee e costituisce parte di un più ampio progetto da realizzare per stralci e la cui prima parte è stata finanziata con fondi PRUSST del Sud-Est Barese, Valle D'Itria e Terra delle Gravine. L'intervento prevede il prolungamento della pista ciclabile esistente (1700 metri circa dal centro storico fino al compendio sportivo di via Procaccia) con altra ex novo (2100 metri) fino al congiungimento con altra pista ciclabile in corso di realizzazione posta in fregio a viale Aldo Moro (2650 metri circa), così da chiudere un percorso cittadino che completa il sistema viario esistente e ne consente una più compiuta fruizione ai fini turistici e per lo svago ed il tempo libero. 

 

 Pista ciclabile a nord. Via libera della giunta al progetto definitivo dei ‘Lavori di riqualificazione della pista ciclabile di Via Marina del Mondo – Realizzazione di pubblica illuminazione’, dell’importo complessivo di € 90.000. L’intervento riguarda una pista ciclabile particolarmente accorsata durante la stagione estiva per la presenza di calette caratteristiche, ma anche ordinariamente interessata da notevole traffico per la presenza di numerose aziende. Realizzata nel 2009, negli ultimi anni è stata vandalizzata e risulta inefficace rispetto alla esigenza di sicurezza della strada. Il progetto mira a migliorare la sicurezza dei pedoni, realizzando un impianto di pubblica illuminazione. I pozzetti e i cavidotti presenti offrono la base impiantistica per la realizzazione di una vera e propria illuminazione stradale che risponde meglio alle esigenze di sicurezza e vigilanza lungo la strada.

 

 

 

Piazza Beccaria. L’esecutivo ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica dei lavori di ‘Riqualificazione delle aree esterne in via Cesare Beccaria’ dell’importo complessivo di € 350.000. L'intervento prevede la riqualificazione dello slargo posto al termine di via Beccaria. Allo stato attuale l’area risulta abbandonata e vuota, costituita da breccia nella parte centrale mentre nelle zone laterali è in parte asfaltata. Il nuovo spazio permetterà sia la sosta che attività di vario genere: ludico e culturali.

 

 Restauro al Castello Carlo V. Via libera al progetto definitivo-esecutivo dei ‘Lavori di restauro dei prospetti del Castello Carlo V’ dell’importo complessivo di € 330.000,00. L’intervento è relativo alle facciate sud-ovest e ovest-nord-ovest che ad oggi risultano essere interessate da fenomeni di degrado che inficiano la conservazione del bene. È prevista la possibilità di estendere successivamente l’intervento alla facciata nord-ovest la cui staticità deve essere sottoposta ad una serie di indagini e ad un monitoraggio più mirato.

 

 Proposta di intitolazione di due vie. Infine, la giunta ha avviato l’iter per l’intitolazione di due nuove vie cittadine. La prima all’ex presidente della Repubblica Sandro Pertini, l’altra a Palmina Martinelli, la ragazza nativa di Fasano (e con parentela anche a Monopoli) deceduta nel 1981 all’età di 14 anni perché si rifiutava di prostituirsi. Ora tutta la documentazione sarà inviata alla Prefettura di Bari che dovrà dare il via libera definitivo.