Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lettera/Il Comitato Parco Lama Belvedere d’accordo con l’amministrazione comunale: ben venga l’area fitness ad occidente

L’organismo consiglia di tenere presente gli studi e le pianificazioni fatti negli anni scorsi  

 

Riceviamo e pubblichiamo una nota di due rappresentanti del Comitato Lama Belvedere, Annalisa Schena e Stella De Luca sul progetto redatto dal comune di Monopoli per dotare il Parco di un’area fitness nei pressi del Polo Liceale ‘Curie’.

 

“Apprendiamo dalla stampa che l’Amministrazione comunale ha aderito al bando comunitario ‘Sport nei Parchi’ presentando un progetto. Il finanziamento del bando ha come oggetto attrezzature sportive outdoor che l'Amministrazione Annese pensa di allocare in un'area del Parco Lama Belvedere, il Giardino Urbano, prospicente l'ingresso dell'Ospedale S.Giacomo. Il Comitato Parco Lama Belvedere, 15 anni fa, aveva individuato le funzioni più opportune per ogni zona del parco, incontrando sempre l’approvazione delle Amministrazioni che si sono succedute nel tempo (vedi foto). Inoltre, l’area del ‘Giardino Urbano’ è stata oggetto di un progetto realizzato e compiuto nel settembre 2011 che oggi, al netto di alcuni elementi di arredo urbano - panchine e cestini - necessita solo di un'adeguata manutenzione. La zona fitness, nel progetto del Comitato, è stata da sempre collocata nell'area vicino al Polo liceale Galilei - Curie, adiacente alla via S.Marco. Ubicazione che soddisfa tre caratteristiche: non possiede le valenze naturalistiche o storico-archeologiche di altre zone del parco, si trova lungo un percorso già utilizzato da numerosi monopolitani per fare attività sportiva, l'area è ricca di alberi caducifoglie che consentono di praticare lo sport al sole in inverno e all’ombra in estate. Ben venga, quindi, un’area fitness pubblica anche nei quartieri occidentali della città, ma si tenga conto di studi e pianificazioni realizzati sulla base di osservazioni dei luoghi e delle consuetudini dei cittadini e approvati dalle amministrazioni precedenti”.