Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piano Casa: ‘Puglia solidale e verde’ non intende stravolgere la legge regionale che regola l’attività dell’edilizia minore

Il partito è da tempo schierato contro il consigliere regionale del Pd, il fasanese Amati  

 

E’ sempre attuale la vicenda del cosiddetto ‘Piano Casa’, regolato da una legge della Regione Puglia, che il consigliere regionale del Partito Democratico, il fasanese Fabiano Amati vorrebbe cambiare allargando le maglie derogatorie e che, invece, alcune forze politiche vorrebbero confermare nel suo significato originario, almeno fino a quando non sia varata una legge che disciplini in modo definitivo l’attività dell’edilizia minore. Tra i partiti favorevoli alla conferma c’è ‘Puglia Solidale e Verde’, che ha nell’assessora regionale all’Urbanistica Anna Grazia Maraschio la rappresentante di spicco e come aderente locale il consigliere comunale di ‘Manisporche’ Angelo Papio. In una nota, ‘Puglia Solidale e Verde’ non intende consentire “progetti che mirano a trasformare capannoni industriali in centinaia di abitazioni residenziali, con un semplice permesso di costruire, in deroga ai Piani Urbanistici, stravolgendo l’assetto di interi Comuni e penalizzando gli imprenditori ligi alle regole” (progetti sono stati presentati anche a Monopoli, come mostra la foto di repertorio). “La nostra volontà – sottolinea il partito - è di confermare l’uso del Piano Casa nel suo significato originario”. La nota si conclude con un consiglio ad Amati: “sarebbe più utile ed efficace, anziché persistere in atteggiamenti denigratori e divisivi, un tuo impegno affinché si apportino al Piano Casa quelle modifiche che servirebbero a renderlo uno strumento meno attaccabile giudizialmente, esente da quelle dilatazioni che lo rendono appetibile a portatori di interessi troppo grandi e quindi più idoneo alla Comunità pugliese”.