Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il consiglio regionale abroga all’unanimità l’articolo di legge sul trattamento di fine mandato

I consiglieri di Fratelli d’Italia abbandonano l’aula al momento della votazione finale

 

Il Consiglio regionale ha abrogato all’unanimità l’articolo 3 della legge regionale n. 27 del 6 agosto scorso, con cui era stato reintrodotto il trattamento di fine mandato. L’abrogazione è avvenuta per mezzo di un emendamento al disegno di legge contenente il riconoscimento di debiti fuori bilancio, presentato dalle forze di opposizione e subemendato in aula dalla maggioranza, con cui si è provveduto oltre all’abolizione del TFM, anche ai suoi effetti con riguardo alle eventuali istanze medio tempore, presentate ai sensi della legge regionale approvata dallo stesso Consiglio nella seduta del 27 luglio. Prima di votare il testo di legge emendato, l’assemblea è stata chiamata a votare un articolo aggiuntivo presentato dai Gruppi Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia, La Puglia Domani e dai consiglieri del Gruppo Misto Paolo Dell’Erba e Saverio Tammacco, che prevedeva l’abrogazione degli incarichi di consigliere del presidente, vice capo di gabinetto, componenti dei collegi di esperti e consulenti e di conseguenza l’abrogazione di tutte le norme legislative regionali in contrasto, ottenendo però esito sfavorevole. Dopo aver votato l'emendamento abrogativo del TFM, i consiglieri del Gruppo di Fratelli d’Italia hanno abbandonato l’aula al momento della votazione finale alla legge sui debiti fuori bilancio. Con l’abrogazione dell’articolo di legge si mette la parola fine alle polemiche che erano state innescate durante il periodo estivo.