Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nuovo progetto Solemare: il 6 giugno c’è la Conferenza di servizi. Manisporche: è da revocare

Il Movimento accusa il sindaco Romani di non rispettare una delibera consiliare votata all’unanimità 

 

Il 6 giugno il sindaco di Monopoli Emilio Romani ha convocato la Conferenza di servizi che si terrà a Bari presso la Regione Puglia per esaminare il nuovo progetto della società Solemare relativo all’area dell’ex cementeria. Il Movimento Manisporche non ci sta e, in un comunicato, chiede “l'immediata revoca della Conferenza di servizi e la necessaria pubblicizzazione del nuovo progetto, lasciando alla prossima Amministrazione di definire tempi e modi di conclusione di un procedimento tanto delicato e complesso”. Come è noto la Solemare, proprietaria dell’area, ha approntato un nuovo progetto dopo che il primo era stato bocciato dalla Soprintendenza regionale e da altri Enti che fanno parte della Conferenza di servizi regionale recependo in gran parte le criticità che un pool di tecnici monopolitani aveva mosso al progetto disegnato dall’archistar Oriol Capdevilla. “Tale bocciatura – si afferma nella nota - ha riaperto così, di fatto, un nuovo iter a un nuovo progetto con tutti i passaggi previsti dalle normative vigenti: giunta comunale, commissione consiliare (nella foto una riunione svoltasi a Monopoli), consiglio comunale e Conferenza di servizi”. “Invece il “sindaco – prosegue la nota - senza alcuna pubblicità, senza porlo a conoscenza della cittadinanza (a meno che non si sia esperti di quel labirinto digitale, che talvolta diventa il sito web del Comune), senza passaggi né in consiglio comunale né in commissione urbanistica (come espressamente richiesto nella delibera d'indirizzo votata all'unanimità in Consiglio, il 3 luglio dello scorso anno), comportandosi come se si trattasse di un normale procedimento amministrativo, riapre la Conferenza di servizi, convocandola per il prossimo 6 giugno, a quattro giorni dalle elezioni amministrative del Comune di Monopoli e alla scadenza del suo mandato”. Di qui la richiesta di “immediata revoca della Conferenza di servizi”.