Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Papio al sindaco Annese: ecco i tre punti ineludibili per riqualificare al meglio l’area dell’ex cementeria

Il riconfermato consigliere comunale spiega meglio i contenuti della conferenza stampa dei partiti di opposizione

 

In una nota il riconfermato consigliere comunale di Manisporche, Angelo Papio spiega meglio quanto ha riferito nella conferenza stampa dei partiti di opposizione in merito alla imminente riunione della Conferenza di servizi presso la Regione Puglia che dovrà esaminare l’accordo di programma presentato dalla società Solemare sulla riqualificazione dell’area ex cementeria. Per i partiti di opposizione, scrive Papio nella nota, restano ineludibili tre punti strategici “per un’accettabile soluzione progettuale concordata e che, se prontamente accolti, potrebbero rendere il progetto molto più forte in Conferenza, in quanto permetterebbero al neo sindaco di farsi realmente interprete dell’interesse generale e rappresentare finalmente la volontà dell’intera comunità di fronte agli Enti preposti”. Il primo punto riguarda “l’asse stradale, prolungamento dell’attuale via Vasco fino a ricongiungersi alla via Ungaretti (vicino all’ingresso del porto commerciale), che deve rimanere carrabile per esigenze legate all’attuale sistema di mobilità urbana, non superabili in tempi brevi”. Il secondo punto è relativo alle “piastre, edifici a un piano ricavati nel salto di quota tra il quartiere ottocentesco e le banchine portuali, che devono essere dedicate, almeno nelle aree di cessione al Comune, prevalentemente a un vasto parcheggio interrato nascosto, indispensabile a una rimodulazione e ampliamento delle zone pedonali all’interno dello stesso quartiere ottocentesco”. Il terzo punto riguarda “l’area di cessione al Comune (almeno il 50% di quelle private) che deve rimanere omogenea e ubicata dalla parte dello specchio d’acqua del porto”. Papio ribadisce la richiesta al sindaco Angelo Annese “di differenziarsi dal suo predecessore sulla vicenda e di prendere in considerazione la presente proposta”.