Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’appello di Annese al governatore Emiliano: non si abbassi la guardia sull’ospedale San Giacomo

Il sindaco di Monopoli sottolinea che l’amministrazione comunale starà attenta sul destino dell’attuale nosocomio 

 

Come già riferito la giornata di mercoledì 26 settembre passerà alla storia per la posa della prima pietra del nuovo ospedale Monopoli-Fasano che sorgerà in contrada Lamalunga con 299 posti letto per servire un’utenza che si aggira sui 250 mila cittadini del sud-est barese e del nord-brindisino. Nel corso della cerimonia di avvio del cantiere alla presenza di varie autorità politiche, militari, civili e religiose, non è mancato, nell’intervento del sindaco di Monopoli Angelo Annese, l’accenno al destino che avrà l’attuale nosocomio del San Giacomo. “Monopoli, insieme a Fasano e a tutto l’hinterland,- ha sottolineato il sindaco - potrà contare su un ospedale all’avanguardia per la cura di malattie gravi e da pericolo di vita e che mancava nel raggio di 130 chilometri”. “Ma – ha ggiunto- in attesa che l’opera sia realizzata e attrezzata, l’attenzione dell’amministrazione comunale di Monopoli resterà alta sull’ospedale ‘San Giacomo’ perché è pur vero che tra mille giorni ci sarà un nuovo ospedale, ma è altresì vero che fino ad allora occorrerà garantire quei livelli essenziali di assistenza dai quali Monopoli e l’hinterland non possono prescindere”. Di qui l’appello finale al presidente  Emiliano “a non abbassare la guardia”.