Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Raccolta rifiuti: Tamborrino è spazientito per il degrado, il sindaco Annese attende la convocazione dell’Ager

Il consigliere comunale parla di disastro e di aumento della Tari, il primo cittadino respinge le accuse

 

Il consigliere comunale di ‘Insieme per Monopoli’ Francesco Tamborrino è spazientito per la situazione di degrado che regna in città e nell’agro di Monopoli a causa dei cassonetti stracolmi di immondizia e della parziale istituzione del ‘porta a porta’ e tira in ballo le responsabilità dell’amministrazione comunale, ed in particolare del sindaco Angelo Annese, che respinge le accuse.

 

Tamborrino. Di fronte a questo disastro i monopolitani, afferma il consigliere comunale, “si aspetterebbero uno sconto sulla tassa rifiuti, e invece no, la Tari aumenterà ancora”. E poi c’è l’affondo contro Annese: “se il sindaco pensa di scrollarsi di responsabilità passando la palla nel campo dell'ARO si sbaglia. Monopoli è comune capofila dell'ARO e il dirigente che dovrebbe procedere alla risoluzione del contratto con l'azienda è il dirigente del Comune di Monopoli. Pertanto, ogni decisione passa di fatto per Monopoli. La pazienza dei cittadini è finita e insieme anche la nostra”.

 

Annese. Il sindaco Annese, interpellato da Monopoli Libera, respinge le accuse di immobilismo. “La questione non è di facile soluzione e non dipende solo dal comune di Monopoli: è per questo che l’Agenzia territoriale della Regione Puglia per il servizio di gestione dei rifiuti – sottolinea – ha incaricato un legale per decidere il da farsi”. “Credo – aggiunge Annese – che saremo convocati nella prossima settimana per prendere le decisioni con i sindaci degli altri tre comuni: Conversano, Polignano a Mare e Mola di Bari”.