Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dal municipio/Accordo con l’Università, no alle barriere architettoniche, il nuovo look delle fontane

L’attività amministrativa riguarda interventi nella ricerca e progettazione, nel sociale e nei lavori pubblici

 

Accordo con l’Università. Su proposta dell’assessore alle politiche comunitarie Angela Pennetti, la giunta ha deliberato la stipula di un accordo quadro tra il Comune di Monopoli e l’Università di Bari attraverso il Centro di ricerca e formazione CIRPAS. Con l’accordo di durata triennale (rinnovabili) l’Università e il Comune si impegnano a collaborare nella programmazione e realizzazione di attività di ricerca-azione e co-progettazione su temi di comune interesse. In particolare nell’ambito della strategia di sviluppo culturale e sociale del territorio si intendono promuovere e sensibilizzare metodologie volte ad accrescere l’attrattività del territorio e favorire l’attività di networking tra settore pubblico e privato.

 

 

 

No alle barriere architettoniche. È partito venerdì 7 giugno presso la sede del futuro Sportello Sociale Angsa in Via Melvin Jones il processo partecipativo finalizzato alla predisposizione del Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (P.E.B.A.). Il ciclo di incontri è promosso dall’assessore ai Servizi Sociali Ilaria Morga e al primo incontro hanno partecipato le associazioni di volontariato. Presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) possono essere presentate le istanze dei cittadini, in sinergia con lo sportello della disabilità comunale e l’Assessorato ai Servizi Sociali. Il prossimo incontro si terrà sabato 22 giugno.

 

 

 

Fontane risplendenti. Sono iniziati i lavori di manutenzione presso le tre principali fontane cittadine: in piazza Vittorio Emanuele II, in piazza Falcone e Borsellino e agenti di scorta e in piazza Nino Rota. Se ne occupa una ditta di Palese che si è aggiudicata la gara d’appalto per la durata di due anni. La manutenzione alla fontana di piazza Vittorio Emanuele II, già completata, ha riguardato anche i corpi illuminanti.