Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piano Casa Monopoli: la risposta del dirigente D’Onghia non soddisfa e la minoranza fa partire una terza diffida

Il sindaco Annese, gli assessori e tutti i consiglieri comunali sono invitati ad evitare eventuali danni erariali al Comune

 

Non soddisfa la risposta data dal dirigente comunale Amedeo D’Onghia alle due diffide sul cosiddetto Piano Casa inviate dagli otto consiglieri di opposizione, che ne fanno partire una terza intimando a “tutti i responsabili degli Uffici del Comune di Monopoli alla piena osservanza della legge 14/2009, poi modificata dalla legge 33/2015” (appunto il Piano Casa). Gli stessi consiglieri di minoranza (Sonia Cazzorla, Silvia Contento, Cecilia Matera, Carlo Maria Maione, Francesco Tamborrino, Claudio Licci, Felice Indiveri e Angelo Papio) sollecitano il dirigente D’Onghia “a rilasciare l’elenco dettagliato dei richiedenti/intestatari dei progetti rientranti nel Piano Casa e quanto altro richiesto nella seconda diffida del 7.6.2019, elenco ad oggi ancora non reso disponibile, il che impedisce una più puntuale azione di controllo amministrativo, che potrebbe eventualmente venir riferita alla competente Autorità Giudiziaria”. Infine, si “invitano il sindaco, gli assessori, i consiglieri comunali a evitare, nell’ambito dei loro poteri decisionali, che il Comune di Monopoli subisca danni erariali da improvvide ed errate, ed ora ingiustificabili, ‘interpretazioni’ della citata legge regionale”. Questa terza diffida giunge dopo alcune sentenze del Tar Puglia di Bari e le recenti esternazioni del presidente del consiglio regionale Mario Loizzo e dell’assessore regionale all’Urbanistica Alfonso Pisicchio che hanno parlato di disastri interpretativi della legge sul Piano Casa. Come è noto, in base alla delibera sul Piano casa, approvata a maggioranza dal consiglio comunale di Monopoli, sono stati presentati alcuni progetti che prevedono, tra l’altro, la realizzazione di diverse centinaia di appartamenti residenziali in viale Aldo Moro.