Il Comitato del centro storico: a Monopoli la politica del turismo è inefficace e il Pza è indifferibile

I residenti del borgo antico e di via Procaccia lamentano i soliti disservizi che rendono difficile il riposo   

 

“Divertirsi è un diritto ma anche riposarsi”: poche parole per racchiudere il pensiero del Comitato dei residenti del centro storico e di via Procaccia sulla movida, soprattutto notturna, che da qualche anno sta minando la città di Monopoli. Il Comitato ha indetto l’ennesima conferenza stampa per denunciare i problemi che si trascinano da almeno cinque anni (da quando, cioè, l’organismo  si è costituito) e che si possono riassumere in alcuni punti essenziali: la mancanza di un Piano di zonizzazione acustica (adottato dal consiglio comunale ma non ancora approvato), il mancato rispetto delle ordinanze sindacali, i mancati controlli delle forze di polizia, i pochi parcheggi, i rifiuti, gli schiamazzi notturni. Tutte responsabilità da addebitare all’amministrazione comunale in carica e alla precedente. Per il Comitato la politica del turismo è inefficace ed incompatibile con i diritti dei residenti che spesso sono costretti a subire minacce e vessazioni. Alcuni sono stati costretti a vendere le abitazioni, altri si apprestano a farlo e c’è pure chi si è rivolto alle autorità giudiziarie per vedersi riconosciuti i diritti. Il Comitato auspica un incontro urgente con il sindaco e tutto il consiglio comunale per esaminare l’intera questione nell’interesse di tutti i cittadini.