Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Proroga Piano Casa: le opposizioni di Monopoli auspicano correttivi da parte del Consiglio Regionale

I partiti di minoranza temono che in città si possano perpetrare speculazioni edilizie 

 

La decisione della quinta Commissione Regionale, che ha approvato la proroga del Piano Casa fino al 31 dicembre del 2020 bocciando alcuni emendamenti presentati dai consiglieri del Movimento 5 stelle Casili e Trevisi tendenti a porre un freno ad alcune speculazioni edilizie che tale Piano potrebbe generare, non ha soddisfatto gli otto consiglieri comunali di opposizione di Monopoli (Cazzorla, Matera, Contento, Maione, Papio, Tamborrino, Indiveri e Licci) che, in una nota, auspicano correttivi alla legge che regola il Piano Casa e che saranno esaminati dal Consiglio regionale pugliese in una delle prossine sedute. Come è noto i consiglieri monopolitani di minoranza temono proprio che in città si possano perpetrare speculazioni edilizie. Per questo motivo gli otto si erano già allertati il 22 ottobre scorso quando si sono recati nella sede della Regione Puglia (nella foto) per incontrare l’assessore regionale Giovanni Giannini ed i consiglieri regionali Vincenzo Colonna (capogruppo di ‘Noi a Sinistra per la Puglia’) e Marco Galante (capogruppo M5S): gli unici che si sono presentati perché l’invito era stato rivolto ai rappresentanti di tutte le forze politiche presenti nell’assemblea. A loro erano state sottolineate le criticità del Piano e la necessità di porre le modifiche. Cosa che in realtà non è avvenuta. Di qui l’auspicio affinchè l’assemblea regionale possa davvero mettere un freno ad una “aberrazione normativa” come ha definito il Piano il consigliere Casili.