Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli effetti del decreto per il Coronavirus sul territorio di Monopoli: i divieti, ma il mercato del martedì è salvo

Il sindaco Annese ha diramato una serie di disposizioni dopo il Decreto del presidente del consiglio, Conte

 

Il sindaco di Monopoli, Angelo Annese, comunica gli effetti sul territorio comunale del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri datato 4 marzo 2020 per la prevenzione del Coronavirus.

 

Scuole chiuse. Sino al 15 marzo sono chiuse agli studenti tutte le scuole di ogni ordine e grado incluse le sezioni Primavera, gli asili nido pubblici e privati.

 

Congressi e meeting sospesi. Sino al 3 aprile 2020 sono sospesi i congressi, le riunioni, i meeting e gli eventi sociali che coinvolgono personale sanitario o incaricato in servizi pubblici essenziali.  Sono, altresì, sospese le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura (compresi quelli cinematografici e teatrali sia in luoghi pubblici che in luoghi privati che comportano affollamento di persone tale da non consentire una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro).

 

Manifestazioni sportive. Sempre fino al 3 aprile sono annullate tutte le manifestazioni sportive aperte al pubblico. Resta comunque consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle   sedute   di allenamento degli atleti, all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico ed attenendosi pedissequamente alle indicazioni indicate nel DPCM.

 

Mercato settimanale ok. Si terrà regolarmente, invece, il mercato settimanale invitando la cittadinanza ad evitare assembramenti e rispettando i comportamenti previsti dall’allegato 1 del DPCM (vedi alla fine dell’articolo).

 

Comunicazione al medico di famiglia. Inoltre, chiunque negli ultimi 14 giorni abbia fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, o sia transitato e abbia sostato nelle zone rosse di Lombardia e Veneto deve comunicare tale circostanza al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio nonché al proprio medico di medicina generale.

 

Uffici comunali. In tutti gli uffici del comune di Monopoli sono messe a disposizione degli addetti, nonché di utenti e visitatori, soluzioni disinfettanti per l’igiene delle mani. Si dispone l’obbligatorietà dell’uso prima di entrare in contatto con gli operatori di sportello. Al fine di evitare assembramenti di utenti si incentiva l’uso della telematica attraverso i servizi già attivi di certificazione online e di disbrigo pratiche per via telefonica. Inoltre, l’attività di ricevimento al pubblico è sostituita dallo sportello telefonico e dalla posta elettronica. L’accesso agli uffici è comunque garantito per i casi necessari ed indispensabili con le modalità indicate da apposito comunicato del Comune di Monopoli e previo appuntamento con il responsabile del procedimento.

 

Gestori privati. Precisando che l'obiettivo del decreto è ridurre la contagiosità del virus cercando di neutralizzare il picco dei contagi, si invitano i privati gestori di attività a prendere visione del Dpcm del 4 marzo 2020 al fine del contenimento del coronavirus.  

 

I consigli. Di seguito i comportamenti consigliati così come da schema allegato al DPCM.

 

Allegato 1
Misure igienico-sanitarie:

 

a)  lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;

 

b)  evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

 

c) evitare abbracci e strette di mano;

 

d) mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;

 

e) igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

 

f) evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;

 

g)  non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

 

h)  coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

 

i)   non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

 

l)   pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

 

m) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.