Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il bilancio dei controlli della polizia municipale nella prima settimana di emergenza coronavirus

Tra i dati ci sono 55 violazioni per errato conferimento dei rifiuti indifferenziati

 

Il comando della polizia municipale di Monopoli ha reso noto il bilancio dell’attività svolta nella settimana dall’8 al 15 marzo relativa alla vigilanza e controllo delle disposizioni imposte alla popolazione dai decreti governativi dell’8 e 11 marzo. Nel sottolineare che gli unici spostamenti consentiti sono quelli necessari per acquistare generi di prima necessità, lavoro e motivi sanitari, i controlli, con la collaborazione anche delle altre forze dell’ordine, hanno riguardato i veicoli in entrata e in uscita dal territorio comunale, gli arrivi in treno e in bus dalle altre regioni d’Italia, le quarantene obbligatorie, le attività commerciali consentite sui cantieri edilizi e il corretto conferimento dei rifiuti. Fra i dati salienti ci sono da registrare 55 violazioni per errato conferimento dei rifiuti indifferenziati, i controlli ai cinque cittadini monopolitani che sono in quarantena mentre sono otto i viaggiatori provenienti dalle regioni del nord Italia ai quali è stata imposta di compilare l’autodichiarazione, con l’obbligo di contattare il proprio medico di base, così come disposto dalle ordinanze del Presidente delle Regione Puglia, Michele Emiliano. Nel bilancio, infine, ci sono il blitz al circolo privato in via Ricciotti, all’interno del quale c’erano una trentina di persone a giocare a carte, il cui titolare è stato denunciato e la sospensione di un cantiere edile in cui sei operai stavano lavorando senza le necessarie norme di sicurezza.