Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I misteri del progetto ‘Among’: la consigliera pentastellata Cazzorla attende risposte dall’amministrazione comunale

L’iniziativa, presentata un anno fa, ha l’obiettivo di monitorare la qualità dell’aria a Monopoli ma si sono perse le tracce

 

A poco più di un anno dalla presentazione si sono perse le tracce del ‘Progetto Among per il monitoraggio ambientale e sanitario’: lo denuncia in un comunicato la consigliera comunale del Movimento 5 stelle di Monopoli, Sonia Giulia Cazzorla che, a questo punto, chiede all’amministrazione comunale guidata dal sindaco Angelo Annese delle risposte non avendo avuto riscontro dopo una serie di ricerche fatte sia sul sito del Comune di Monopoli che su quello della società committente, la Focus Innovazione, alla quale ha pure inviato una mail, senza ottenere risposta. Il progetto, presentato nell’aprile del 2019 (nella foto) da Annese e dal dirigente comunale all’Ambiente Antonello Antonicelli, aveva come peculiarità: la partecipazione attiva dei cittadini attraverso una App dedicata ed un sito internet, l'installazione di 4 centraline (non certificate) di monitoraggio per il controllo di alcune sostanze inquinanti e, infine, la raccolta dei dati che avrebbero chiarito la situazione dell’ambiente in città. Sin dall’inizio la ‘grillina’ Cazzorla ha mostrato scetticismo sulla bontà del progetto perché ritenuto non idoneo a fare il monitoraggio ambientale. Di qui la richiesta di riscontro ad alcune domande: “a che punto è il progetto dopo oltre un anno? Quante centraline sono state posizionate, dove e cosa stanno rilevando? Dov'è la App, il sito internet, la partecipazione dei cittadini ecc? Il Comune ha incassato la somma di € 12.000,00 oltre Iva?”. Il finale del comunicato è ironico: “restiamo in attesa di notizie, possibilmente, se non è troppo il disturbo, entro il secondo anniversario”.