Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dal 19 maggio 2020 riapre anche il mercato non alimentare ma cambia lo svolgimento: ecco le nuove modalità di apertura e d’accesso

Le principali novità: ingresso contingentato, obbligo di mascherina e vietato accesso a chi ha febbre

 

Come già riferito in un articolo precedente, il sindaco di Monopoli Angelo Annese ha firmato nella tarda serata di venerdì 15 maggio l’ordinanza con la quale dispone la riapertura del mercato settimanale non alimentare (d’abbigliamento, oggettistica varia, ecc.) a partire da martedì 19 maggio. L’ordinanza, frutto dell’intesa raggiunta con le associazioni dei commercianti ambulanti, sarà in vigore fino al 1° giugno e contiene numerose novità. Vediamole nel dettaglio.

 

La sede. Il mercato non alimentare si svolgerà solo in via Togliatti nel tratto di strada compreso tra via Martiri del 16 marzo 1978 e via Trieste, in via Pisonio nel tratto da via Trieste ad intersezione con via Nievo e via Beccaria e in via Ippolito Nievo nel tratto di strada compreso tra via Pisonio e via Marina del Mondo.

 

Accesso e uscita. L’accesso e l’uscita saranno garantiti in cinque punti (via Benedetto
Croce, via Trieste, via Cardarelli, via Nievo e via Pisonio) che saranno presidiati dal personale della Polizia municipale e dai volontari della Protezione Civile.

Ingresso contingentato. È consentita l’entrata contingentata per un massimo di 150 utenti per volta
da ciascun punto/gate, per un totale massimo di 750 utenti, che dovranno permanere per il tempo strettamente necessario per le operazioni di acquisto dei prodotti. Sarà cura del personale di Protezione Civile garantire la corretta veicolazione dell’afflusso degli utenti all’interno del mercato.

 

Obbligo di mascherina. L’accesso sarà consentito esclusivamente solo se in possesso di mascherina che dovrà essere obbligatoriamente indossata al momento dell’ingresso; ciascun avventore, una volta raggiunto il banco di vendita di cui necessita, dovrà fermarsi sul ‘punto di posizionamento dell’utente’ evidenziato da segnaletica orizzontale che garantirà il distanziamento sociale di almeno un metro. Qualora tali punti dovessero essere già occupati, l’utente dovrà mantenere la distanza di almeno un metro da essi al fine di evitare eventuali assembramenti, posizionandosi lungo la ‘linea di distanziamento sociale’.

 

I compiti del venditore. Sarà cura degli operatori commerciali far rispettare la posizione di ciascun avventore sul ‘punto di posizionamento dell’utente’, vigilare sul corretto rispetto del distanziamento sociale al fine di evitare potenziali assembramenti, attrezzare un punto di distribuzione di guanti monouso non forati e un dispenser per l'igienizzante mani, oltre che bidoni con coperchio, presso il proprio posteggio, rispettare i principi generali e speciali in materia di autocontrollo (HACCP). La stessa ordinanza contiene anche una nuova disposizione per quanto riguarda i venditori di prodotti alimentari, il cui mercato è stato riaperto un paio di settimane fa. A loro si raccomanda di mantenere sempre integri o cambiare all'occorrenza i guanti, controllare che i clienti non tocchino gli alimenti se privi di guanti e sottoporre a pulizia e disinfezione ricorrente le superfici in generale delle strutture di vendita.

 

Ingresso vietato a chi ha febbre. L’ordinanza dispone, infine, che sarà vietato l’accesso all’area mercatale a chi ha febbre superiore a 37,5 gradi centigradi. La rilevazione della temperatura corporea sarà effettuata all’ingresso.