Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il retroscena/Mohammed è in ‘Tso’ ma la sua roba è ancora davanti all’ex scuola Modugno. A chi tocca rimuoverla?

Il caso del senegalese registra una svolta e c’è qualcuno che scommette: presto diventerà cittadino italiano

 

Da mercoledì pomeriggio 10 giugno ‘Tidiane’ o ‘Mohammed’, il senegalese che da diverso tempo ha bivaccato davanti all’androne dell’ex istituto scolastico ‘G. Modugno’, nei pressi di Portavecchia, è in ‘Trattamento obbligatorio sanitario’ dopo che il sindaco Angelo Annese ha firmato il relativo provvedimento eseguito dagli agenti del Commissariato della Polizia di Stato e della Polizia municipale. Ora l’uomo extracomunitario è passato alle cure del Centro di Salute Mentale di Monopoli presso una propria struttura in attesa che la sua posizione venga esaminata con "più calma" come sottolinea in un lunghissimo comunicato stampa l’assessore ai Servizi Sociali Ilaria Morga, che ringrazia un po' tutti coloro che si sono occupati del caso ‘Mohammed’. L’assessore cita: il Centro di Salute Mentale nella persona della dottoressa responsabile Paola Clemente, i Servizi Sociali e le Forze dell’Ordine. Proprio tra il personale di una delle quattro Forze dell’Ordine presenti a Monopoli, e qui sta il retroscena, si è insinuato un interrogativo che può paragonarsi ad una sorta di scommessa: “Vuoi vedere – ci riferiscono due tutori dell’ordine che, ovviamente, vogliono mantenere l’anonimato – che l’astuto Mohammed presto diventerà cittadino italiano?”. In attesa degli eventi, comunque, stamani a mezzogiorno (come mostra la foto) la roba di Mohammed e il suo giaciglio davanti all’androne erano ancora lì in evidenza. A chi tocca rimuoverli? (Nardo Stama)