E’ tornato alla Casa del Padre Ino Zazzera, più volte consigliere comunale (con valanghe di voti) e assessore

La sua prima elezione nel 1970 e per due volte ha ricoperto la carica assessorile alla Polizia Urbana, la stessa che ha attualmente il figlio Aldo

 

Una fede perenne nella Democrazia Cristiana e più volte consigliere comunale e assessore: questi i connotati che hanno segnato la vita politica e amministrativa di Giuseppe Zazzera, più comunemente chiamato Ino, “tornato alla Casa del Padre”, come è scritto nel manifesto di lutto apparso sui muri di Monopoli nella mattinata di oggi 5 luglio e che annuncia il suo decesso dopo una breve malattia all’età di 86 anni. Sulla scena politico-amministrativa monopolitana Zazzera è stato per oltre 30 anni. La sua prima elezione a consigliere comunale avvenne nel 1970 ed è continuata ininterrottamente fino agli inizi del 2000 ricoprendo vari incarichi assessorili. Tra gli altri, per due volte è stato assessore alla Polizia Urbana, lo stesso incarico, guarda caso, che attualmente ha il figlio Aldo. Quante campagne elettorali hanno fatto insieme e quante battute di caccia (il loro hobby preferito)! Il feudo di Ino era la contrada Santa Lucia (ma non solo). Valanghe di voti: partendo dai 455 del 7 giugno del 1970 (la sua prima elezione) agli oltre 2 mila (il picco) del 1990. Quel feudo di campagna ora lo ha ereditato Aldo, apparso affranto negli ultimi giorni dopo che il papà era stato colpito da un ictus. Zazzera lascia la moglie e altre due figlie. I funerali si svolgeranno alle ore 10 di lunedì 6 luglio.