Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Truffe on-line: denunciato pregiudicato calabrese per falso annuncio di vendita di un trattore ai danni di una monopolitana

Gli agenti della polizia di Stato di Monopoli hanno ritrovato un’auto rubata, subito restituita al proprietario

 

Due operazioni degli agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Monopoli.

 

Auto rubata. Nella prima i poliziotti, grazie anche alla collaborazione di un istituto di vigilanza, hanno trovato una Peugeot 208 che era stata rubata nel corso della notte e del quale nemmeno il proprietario si era accorto. Constatato qualche piccolo danno, l’autovettura è stata restituita all’interessato mentre sono in corso indagini finalizzate a risalire agli autori del furto.

 

Truffa on-line. In una seconda attività, il settore Anticrimine ha concluso positivamente una indagine relativa alle truffe on-line, individuando un 44enne calabrese, già noto alle forze dell’ordine, quale autore del falso annuncio di vendita di un trattore su un sito web specializzato e della relativa truffa perpetrata ai danni di una donna monopolitana. Quest’ultima, avendo una piccola azienda agricola, si era interessata all’annuncio, effettuando una trattativa per l’acquisto del trattore usato, al termine della quale aveva pattuito la cifra finale di 1500 euro. Dopo avere versato il primo acconto di 500 euro, si era tuttavia accorta di alcune stranezze; a quel punto aveva coinvolto un suo conoscente chiedendogli di contattare il venditore e dirgli di essere anche lui interessato allo stesso annuncio; il venditore, come se nulla fosse, confermava la disponibilità del trattore. A quel punto è stato evidente che si era di fronte ad una truffa come solitamente accade quando il venditore prova ad incassare da più persone le cifre per gli acconti per poi sparire nel nulla. Dopo la denuncia presso il Commissariato di Monopoli, sono scattate le indagini degli investigatori, che attraverso accertamenti patrimoniali, la ricostruzione dei dati telefonici e dopo altre complesse attività investigative, sono riusciti ad identificare e denunciare un pregiudicato calabrese, con precedenti specifici in tale tipologia di reati, segnalandolo alla Procura della Repubblica di Bari.