Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Botte (e sequestro) alla fidanzata e martellate ad un amico: pregiudicato monopolitano finisce in carcere

A ricostruire i due episodi delittuosi sono stati gli agenti del Commissariato di Polizia di Monopoli

 

Un pregiudicato monopolitano di 29 anni (le generalità non sono state rese note) è stato arrestato dagli agenti di polizia del Commissariato di Monopoli, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, perché ritenuto responsabile di sequestro di persona e lesioni a carico della fidanzata ventenne. L’uomo è anche accusato di aver aggredito a martellate un amico della coppia che, che a suo dire, avrebbe instaurato una relazione clandestina con la ragazza. L’aggressione era avvenuta una settimana prima, all’interno dell’abitazione di Monopoli dove l’aggredito vive con la sua compagna.

 

La ricostruzione dell’accaduto. Il 29enne irrompe in casa e comincia a colpire il suo conoscente con un martello; l’intervento della compagna del proprietario di casa riesce ad evitare il peggio. L’aggressore si allontana ma prima infierisce sull’auto parcheggiata sotto casa dell’uomo che ha appena aggredito. Solo qualche ora dopo i fatti gli agenti del Commissariato vengono a conoscenza di quanto accaduto; l’aggredito ha una prognosi di 15 giorni e conosce bene il suo aggressore, che però fa perdere le proprie tracce. Il giorno successivo si presenta in Commissariato la giovane fidanzata del 29enne pregiudicato e denuncia che l’uomo con cui ha una relazione da poche settimane l’ha aggredita la sera prima accusandola di avere una relazione ‘clandestina’ con un amico comune. La ragazza nega ripetutamente ma l’uomo non le crede; prima costringe la giovane terrorizzata a girare con lui per tutta la notte, poi si droga assumendo cocaina e, quindi, la trascina in una ‘lama’ minacciandola con una pietra ad ammettere il ‘tradimento’. Ricollegati i due episodi delittuosi, i poliziotti del Commissariato richiedono e ottengono con tempestività il provvedimento restrittivo dall’Autorità Giudiziaria. Infatti poche ore dopo gli agenti rintracciano il 29enne e lo arrestano. Ora il 29enne è in carcere a Bari in attesa di essere processato.