Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In Forza Italia si respira aria favorevole: concordi la senatrice Ronzulli e i vertici pugliesi in città per sostenere la candidatura di Lacatena

La vice presidente del gruppo forzista al Senato: Fitto vincerà e Monopoli avrà il suo rappresentante in consiglio regionale  

 

L’apertura del Comitato elettorale del candidato consigliere regionale Stefano Lacatena nelle file di Forza Italia è coincisa con la venuta a Monopoli dei vertici pugliesi del partito azzurro a cominciare da Licia Ronzulli, pugliese anche lei (è di Manfredonia) e vice presidente del gruppo di FI al Senato, insieme ai parlamentari Mauro D’Attis, Francesco Paolo Sisto, Dario Damiani e al commissario della locale sezione Ignazio Amodio. A fare gli onori di casa è stato il sindaco Angelo Annese, impegnato direttamente nella campagna elettorale di Lacatena, che ha introdotto i vari interventi. Si respira un clima favorevole a Forza Italia: questa è l’opinione espressa dagli esponenti azzurri. Ad esempio, la senatrice Ronzulli, nel corso di una breve intervista, ha parlato chiaramente “di voglia di riscatto dei pugliesi che non vogliono più essere amministrati dal centrosinistra e pertanto sono convinta e certa che Raffaele Fitto sarà vincitore”. Poi, sulla candidatura di Lacatena così si è espressa: “non è una candidatura di una persona sola, ma è la candidatura di un gruppo e quando si lavora in squadra è meglio che lavorare da soli e credo che finalmente questo territorio tornerà ad avere un rappresentante”. Un auspicio condiviso anche da D’Attis e Damiani mentre Sisto è stato più esplicito: “la candidatura di Stefano Lacatena è una candidatura di territorio, importante, forte e che mi sembra premi Monopoli bene, perché è una città molto importante. Lacatena non è un investimento ma una certezza per Forza Italia e per il territorio”. Il 20 e 21 settembre si voterà anche per la riforma costituzionale sul taglio dei parlamentari e Monopolilibera ha chiesto a D’Attis e Sisto  come voteranno. Entrambi sono per il ‘No’. E la senatrice Ronzulli? Ecco le sue risposte: “aspetto le indicazioni del mio partito. Il nostro è un partito liberale dove ci sono diverse anime con tante idee. Io dico solo, attenzione ai furti di democrazia, perché si rischia che i territori non avranno nessuna rappresentanza”. Quindi è per il no?Mi adeguo alle decisioni del partito. Sono figlia di un carabiniere dove la gerarchia vale tutto”.