Il Pd pensa alle amministrative 2023 e chiama a raccolta i partiti di opposizione per la scelta del candidato sindaco e del programma

L’assemblea cittadina decide di avviare il confronto con la città e le parti sociali e tutto dovrà essere condiviso

 

Il Partito Democratico di Monopoli pensa alle amministrative del 2023 e chiama a raccolta gli altri partiti di opposizione per individuare un candidato sindaco condiviso così come il programma da portare avanti per i prossimi dieci anni. Le basi di tutto questo sono state poste nel corso dell’ultima assemblea che ha pure deciso di avviare un confronto con la città e con le parti sociali oltre che con tutte le forze al momento all’opposizione. Detto della scelta del candidato sindaco che dovrà avvenire in maniera condivisa e partecipata, il PD ha indicato alcuni punti programmatici: istituire una gestione pubblica dei parcheggi e affidare a cooperative di utilità sociale lo sviluppo di nuove aree; implementare l’azione per un risparmio e riutilizzo delle acque meteoriche; contrastare la desertificazione (caratteristica del nostro territorio accertata da più studi recenti) attraverso un impianto di desalinizzazione; riaprire la stazione di Egnazia per consentire un agevole collegamento con il nuovo ospedale in costruzione, ipotesi che è stata già portata all’attenzione dell’assessore regionale Maurodinoia; proporre uno studio attento della mobilità urbana. Da oggi il segretario Paolo Comes, il direttivo, i consiglieri comunali del Partito Democratico e tutti gli iscritti e le iscritte sono impegnati, e lo saranno nei prossimi mesi, nel cercare le forme e i metodi per riunire chi è disponibile a discutere della possibilità di creare una valida alternativa a chi ora governa la città.