Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’amministrazione Romani verrà ricordata per aver dato alla città il teatro

Il sindaco ha illustrato il programma di fine legislatura

 

Il governo targato Romani (si vedrà se sarà il primo o ne seguiranno altri) verrà ricordato per aver dato alla città di Monopoli un teatro (più cinema, auditorium e sede secondaria del Conservatorio di musica) attraverso il recupero dell’ex cinema Radar e dell’annesso Hotel Savoia. E’ il messaggio forte che il sindaco ha lanciato nella mattinata di oggi 5 settembre in conferenza stampa illustrando le principali direttive sulle quali la sua amministrazione si muoverà fino alla fine della legislatura, prevista per la primavera 2013. “Anche se l’opera non sarà ultimata e consegneremo il cantiere – ha sottolineato –, chi subentrerà non farà nulla perché i soldi ci sono tutti”. Per il resto Romani, come al solito molto prolisso nel discorso di introduzione e nelle risposte ai giornalisti, ha indicato le priorità del suo programma. Tra le quali: il piano dei servizi (la cui bozza è pronta e presto sarà nota) a corredo del Pug già approvato, la rivisitazione del regolamento Tarsu, la partenza dei lavori in questo mese di settembre per oltre 5 milioni di euro con interventi nel centro storico, in piazza Vittorio Emanuele e nell’agro, l’ottimizzazione dei servizi a domanda individuale. Il tutto sarà fatto con una massiccia campagna di comunicazione (la novità è che il sindaco indirà conferenze-stampa ogni settimana). Sul piano strettamente politico, visto che Romani ha auspicato, durante un passaggio del suo discorso, un leale confronto con le opposizioni, Monopolilibera ha chiesto se la maggioranza continuerà il suo comportamento intransigente di non voler discutere in consiglio comunale (facendo venir meno il numero legale) argomenti proposti dai partiti di minoranza, tra i quali due petizioni popolari di quasi 8 mila firme di cittadini. Un’evidente contraddizione. Romani, anche qui molto abile, ha ‘girato’ intorno alla risposta, che non ha dato.