Sel chiede a Romani: quanto ci costerà affittare la struttura privata?

Il consiglio comunale del 27 settembre lontano dal municipio

Prime prese di posizione sulla decisione dell’amministrazione comunale di far svolgere il consiglio comunale del 27 settembre in una struttura privata (e perciò a pagamento) e non in un luogo di proprietà pubblica (quindi, senza spese) quali ad esempio la Sala delle Terre Parlanti (dotata di impianto di amplificazione con quattro microfoni), la sala centrale del comune, il centro sociale. Si tratta del direttivo di Sinistra Ecologia e Libertà che, in un comunicato, afferma di essere favorevole all’utilizzo di strutture comunali perché solo così si è rispettosi verso i contribuenti. Sel chiede all’amministrazione di conoscere i costi che sopporterà per l’affitto della struttura privata e si augura che tutti i consiglieri facciano espressa richiesta, come farà la rappresentante di Sel Cecilia Matera, per lo svolgimento dei consigli comunali nei luoghi pubblici (in attesa del ripristino di sala Perricci). Sel chiede, inoltre, di conoscere i motivi per i quali è stata creata la vetrata che, di fatto, non permetterà il libero accesso al primo piano del municipio e i costi della stessa.