Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I prossimi consigli comunali in luoghi pubblici

Le risposte del sindaco Romani a Monopolilibera

 

Niente di propositivo o se volete di nuovo (eccetto la vicenda delle ricerche di petrolio lungo le coste pugliesi, di cui riferiamo in un articolo a parte) dalla conferenza stampa del giovedì da parte dell’amministrazione comunale. Il sindaco Romani e alcuni assessori ne hanno approfittato per chiarire aspetti del consiglio comunale dell’altra sera o per stigmatizzare articoli di stampa. Monopolilibera non si è lasciata sfuggire l’occasione per porre tre domande: chi ha deciso di far svolgere il consiglio comunale in una struttura privata a pagamento? Non si poteva evitare lo sperpero di denaro pubblico utilizzando un luogo di proprietà comunale? Si ha ancora intenzione di usufruire di strutture private per il futuro, in attesa di riavere sala Perricci? Alle tre domande ha risposto il sindaco Romani. A decidere è stato Corallo; sullo sperpero ha ‘glissato’ affermando che la scelta è stata dettata dalla necessità e dall’urgenza; per il futuro, si valuteranno i preventivi per attrezzare il più adatto tra i luoghi di proprietà comunale. Dalle risposte del sindaco si è avuta notizia che i consiglieri provinciali devolveranno il loro gettone di presenza per il ripristino della sala Perricci. E per finire, Romani ha evitato di rispondere ad un attacco lanciatogli attraverso i giornali dall’ex sindaco Laganà a proposito dell’incendio nell’aula consiliare, salvo poi offenderlo pesantemente. Immediata la sottolineatura di Monopolilibera: “Ma Laganà non è stato un vostro grande elettore?”