Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il centrosinistra monopolitano si presenta compatto nel sostenere la candidatura a sindaco di Contento

La coalizione è composta da Pd, Manisporche, Insieme per Monopoli, Leu, +Europa e due Liste Civiche

 

Nella prima conferenza stampa da candidato sindaco di Nuccio Contento non si è parlato di alcun programma ma solo della composizione della coalizione di centrosinistra che lo sosterrà nella scalata alla poltrona di primo cittadino, le cui elezioni sono previste tra maggio e giugno prossimi. E stando a quanto visto in questo ‘vernissage’ svoltosi nella sede del Comitato in largo S. Antonio, si tratta di una compagine compatta che comprende: Partito Democratico, Manisporche, Liberi e Uguali, Insieme per Monopoli, +Europa e due Liste Civiche (alle quali – è stato detto - se ne potrà aggiungere una terza). Da questa base si parte, hanno sottolineato Contento ed i vari rappresentanti delle truppe alleate, e non si chiude la porta in faccia a nessuno. Tradotto dal politichese: se qualche altro partito ha intenzione di far parte della coalizione si deve sedere al tavolo seriamente e parlare di cose concrete. Il discorso, stimolato da chi vi scrive, è scivolato sull’eventuale ingresso dell’Udc che, come è noto, sta tentennando nelle scelte. “Se vengono – ha sottolineato Contento – è chiaro che devono dimostrare discontinuità con l’amministrazione di questi anni”. Insomma, il confronto con i centristi resta aperto ma, al momento, non è dato sapere come finirà. Così come non è possibile stabilire se ci saranno o meno primarie per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra. L’esito del confronto potrebbe fugare ogni dubbio. La conferenza stampa si è conclusa con un breve accenno alla vicenda giudiziaria che ha coinvolto il capogruppo consiliare di Forza Italia, Sergio Marasciulo. Contento non ha voluto commentare la sentenza senza conoscere il dispositivo ammettendo che il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti non funziona “ma questo – ha concluso – esula dalla vicenda di Marasciulo”. (L.S.)