Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

Contento incassa l’appoggio di Sorino e di tutto il Pd (ora è ufficiale) e dà inizio ai ‘Laboratori delle idee’

Il confronto con i cittadini prosegue anche nel pomeriggio di oggi 24 marzo nella sede del Comitato 

 

Nella serata (del 23 marzo) in cui il candidato sindaco del centrosinistra Nuccio Contento comincia il confronto con i cittadini attraverso i ‘Laboratori delle idee’, lo stesso Contento incassa l’appoggio del consigliere comunale di ‘Cittadini in Movimento’ Francesco Sorino e di tutto il Partito Democratico.

 

Il sì ufficiale del Pd. Come già annunciato in un precedente articolo apparso su questo sito on-line, ora c’è l’ufficialità: tutto il Partito Democratico appoggerà la candidatura a sindaco di Contento. La frattura è stata ricomposta (non senza difficoltà) tra la corrente che fa capo al segretario Feliciano Indiveri ed al capogruppo consiliare Michele Suma e il resto del partito. E’ stato lo stesso Indiveri a comunicarcelo ufficialmente. Quindi, capitolo chiuso.

 

…E quello di Sorino. Anche il consigliere comunale di ‘Cittadini in Movimento’ Francesco Sorino ha ufficialmente dato l’appoggio alla candidatura a sindaco di Contento ma non è sicuro se il suo Movimento civico riuscirà a presentare una propria Lista di candidati consiglieri. “Se non si riuscirà a presentare la Lista – ha affermato Sorino – io non mi candiderò per l’incarico di consigliere comunale ma darò lo stesso il mio contributo a Contento”.

 

Le idee sono tante. Intanto, il candidato sindaco del centrosinistra Contento ha iniziato il confronto con i cittadini raccogliendo i loro suggerimenti che, nella prima serata, sono stati tanti. Il confronto continuerà anche nella giornata di oggi pomeriggio 24 marzo ( a partire dalle ore 17) nella sede del Comitato in piazza Sant’Antonio. “Se fra chi amministra una città e i cittadini viene a mancare la comunione di intenti - ha sottolineato Contento - non c’è reciproca legittimazione e pertanto si crea una frattura che determina forme di ribellismo; noi vogliamo recuperare e migliorare questo rapporto e vogliamo farlo da subito”.