Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Forza Italia presenta la sua squadra, Romani riceve la promessa da Vitali ed Annese si toglie sassolini dalle scarpe

Domenica 27 maggio annunciata la presenza in piazza Garibaldi della capogruppo di Fi al Senato Bernini 

 

“Forza Italia darà una spinta notevole per portare alla vittoria il centrodestra”: ne è sicuro Angelo Annese, il candidato sindaco della coalizione, che ha partecipato alla presentazione della Lista del partito di Berlusconi. All’appuntamento inaugurale non sono mancati i big pugliesi di Fi: il coordinatore regionale e senatore Luigi Vitali, quello provinciale e deputato Francesco Paolo Sisto e il consigliere regionale Domenico Damascelli. A presentare i 24 candidati consiglieri il coordinatore locale Ignazio Amodio. Non è mancato l’intervento del sindaco uscente Emilio Romani, destinato ad avere un ruolo di rilievo in Forza Italia dopo il 10 giugno: l’annuncio lo ha dato proprio Vitali non specificando il compito che gli verrà assegnato. La frattura fra i due è decisamente sanata (ricordiamo tutti quando tre anni fa, in un incontro organizzato dall’allora candidato alle regionali Giovanni Copertino, il coordinatore regionale utilizzò la metafora dei ‘cipuddazz’, parola dal dialetto di Francavilla Fontana per descrivere le piante di cipolla mosse dal vento, per definire, a suo dire, lo scarso impegno di Romani in quella campagna elettorale). Romani e gli ospiti forzisti hanno tessuto gli elogi (“un giovane sempre sorridente e competente”) nei confronti di Annese che, a sua volta, si è tolto qualche sassolino dalle scarpe respingendo le accuse che gli vengono mosse: “se sarò eletto porterò le maschere di tutti i monopolitani” escludendo di avere alle sue spalle “lobby e poteri forti”. “I monopolitani – ha concluso – ci devono votare perché il centrodestra ha amministrato la città per 10 anni e la crescita è sotto gli occhi di tutti”. Domenica 27 maggio a mezzogiorno Fi sarà in piazza Garibaldi con la capogruppo al Senato Anna Maria Bernini.