Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco ‘Noi con Monopoli’, la Lista di persone che si impegnano in tutti i settori per un interesse comune

Alla presentazione dello schieramento politico non sono mancati gli attacchi al M5S e al centrosinistra

 

‘Noi con Monopoli’ è una Lista composta in maniera equa di uomini e donne del centro urbano e delle campagne che hanno la fedina pulita e che si impegnano in tutti i settori per un interesse comune: lo hanno sottolineato la coordinatrice Anna Capra e il presidente Aldo Zazzera presentando la compagine di centrodestra che si ispira a Raffaele Fitto e che alle amministrative del prossimo 10 giugno a Monopoli supporta la candidatura a sindaco di Angelo Annese. Zazzera, presidente del consiglio comunale uscente, ha spiegato i motivi per i quali, insieme agli altri, è sceso nuovamente in campo: “dare continuità all’amministrazione comunale che per dieci anni ha fatto crescere la città da ogni punto di vista”. Il presidente del consiglio, nell’ammettere alcuni errori commessi dai due governi guidati da Romani (“solo chi sta fermo non commette errori e le precedenti due amministrazioni hanno lavorato portando risultati ben visibili”), ha evidenziato il pericolo di un eventuale passaggio di consegne amministrative a coloro che “per quattro anni e undici mesi sono stati assenti dalla scena politica”. Zazzera non ha fatto nome ma il riferimento al Movimento 5 stelle è stato evidente. Più esplicito, in tal senso, è stato l’intervento di Domenico Zaccaria (assessore allo sport nel primo governo di Romani e tornato in campo, tanto per restare in ambito sportivo, con la maglietta di ‘Noi con Monopoli’) che ha definito i grillini “il. Movimento delle cinque chiacchiere, altro che cinque stelle”. Non è mancato l’attacco ai partiti di opposizione di centrosinistra che, a detta di Zaccaria (che lunedì 28 maggio entrerà in consiglio comunale in sostituzione di Sergio Marasciulo, sospeso dal prefetto di Bari Marilisa Magno per gli effetti della legge Severino), “hanno dormito per cinque anni”.