Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dal comizio di Annese e Romani l’annuncio: in arrivo due provvedimenti di giunta per le fasce deboli

Il candidato sindaco ribadisce di essere “pronto” a raccogliere il testimone, l’uscente conferma la rinuncia ad incarichi locali

In arrivo due provvedimenti per le fasce deboli da parte dell’amministrazione Romani-bis e saranno deliberati dalla giunta nell’ultima seduta di martedì prossimo 5 giugno: è l’annuncio fatto dallo stesso sindaco uscente durante il comizio tenuto in piazza Vittorio Emanuele II (abbastanza gremita) nella serata di mercoledì 30 maggio insieme al candidato sindaco del centrodestra Angelo Annese. Il primo provvedimento riguarda la realizzazione di alloggi popolari rivenienti dal primo Piano Urbanistico Esecutivo (Pue) che verrà deliberato ed il bando, come è noto, è di fresca pubblicazione sul sito del comune di Monopoli, come riporta un articolo del nostro giornale on-line; il secondo è relativo ad un protocollo d’intesa da sottoscrivere con i sindacati per abbassare l’Imu del 25% e per aumentare il tetto di reddito (ora fissato a 7.500 euro) per usufruire delle esenzioni (in realtà le due misure sono frutto di rivendicazioni avanzate in passato dalle organizzazioni sindacali monopolitane). Detto dei provvedimenti in arrivo, il resto del comizio è passato in secondo piano con Annese che ha ripetuto il buon governo attuato dalle due amministrazioni guidate da Romani in cui lui ha occupato il posto prima di presidente del consiglio comunale e poi di assessore ai Lavori pubblici. Insomma, ha sottolineato, l’esperienza non manca ed è su questa stessa “nave che occorre andare avanti per far crescere ulteriormente la città che in dieci anni è cambiata in maniera radicale”. Rimanendo in gergo marinaresco, “avanti tutta” è stato il monito finale del “capitano” (così lo definito Annese nel presentarlo alla piazza) Romani che, oltre all’annuncio dei due provvedimenti di giunta in arrivo, ha confermato che rinuncerà ad incarichi in ambito locale e che tornerà a fare “il cittadino comune ma sempre disponibile a dare consigli a chi li chiederà”. Il comizio si è concluso con la salita sul palco dei rappresentanti delle otto Liste che supportano la coalizione di centrodestra.