Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Consiglio comunale: via libera al Dup, scaramucce nella Lega e un concorso che solleva perplessità

C’è il nuovo Collegio dei Revisori dei Conti, composto da Orsi, Genchi e Cortese  

 

Il consiglio comunale di Monopoli ha esaminato ed approvato in poco meno di cinque ore i sei argomenti all’ordine del giorno, fra i quali il più importante era il Documento Unico di Programmazione 2020-2022, licenziato con i 12 voti favorevoli dei consiglieri di centrodestra, i 6 contrari dell’opposizione e l’astensione del consigliere della Lega Antonio Rotondo, che ha votato in maniera differente rispetto al suo capogruppo Piero Barletta, favorevole al provvedimento finanziario. Proprio la diversità di vedute all’interno del gruppo leghista (era assente il solo Giuseppe Campanelli) ha caratterizzato la seduta consiliare. Una diversità di vedute che ha riguardato l’intera maggioranza di centrodestra come è avvenuto alla votazione di un altro provvedimento (la sdemanializzazione e successiva alienazione di una porzione d’area di proprietà comunale per l’installazione di una cabina elettrica a servizio dei fabbricati esistenti nel parcheggio di via Ungaretti) votato da Barletta e con l’astensione dei suoi colleghi di partito Rotondo, Franco Leggiero e Vincenzo Laneve. E tutto questo è accaduto all’indomani dell’esito delle elezioni nel Consiglio della Città Metropolitana di Bari con la riconferma del consigliere Leggiero, che ha lamentato il mancato appoggio dei consiglieri comunali di centrodestra di Monopoli. Un malcontento espresso in aula, dopo il suo comunicato dei giorni precedenti e quello firmato, oltre che da lui, dai suoi tre colleghi di partito (Antonio Rotondo, Giuseppe Campanelli e Vincenzo Laneve) ma non dal capogruppo e segretario della Lega Barletta. Proprio quest’ultimo ha preso le distanze da quei due comunicati. “Il segretario sono io” ha tuonato Barletta in aula facendo intendere che nei prossimi giorni potrebbero esserci provvedimenti nei confronti dei quattro firmatari dell’ultimo comunicato. Siparietto leghista a parte, la seduta è stata caratterizzata da un’altra questione un po' inquietante su presunte irregolarità avvenute in un concorso per il personale di polizia municipale indetto dal comune di Monopoli. L’ha sollevata il consigliere di minoranza Francesco Tamborrino (nella foto il suo intervento) che ha minacciato “segnalazioni all’Autorità per l’Anticorruzione” nel caso di non sospensione della procedura concorsuale. Infine, l’assemblea ha votato all’unanimità sia la ratifica di una deliberazione di una variazione di bilancio per l’assegnazione di un contributo regionale che la nomina del nuovo Collegio dei Revisori dei Conti per il triennio 2019-2022, che sarà composto da Orsi (presidente), Genchi e Cortese.