Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

Lavoro e giovani: convegno Sel il 21 marzo a Monopoli

Il Piano straordinario per il lavoro varato recentemente dalla giunta regionale guidata da Nichi Vendola sarà al centro di un incontro che si terrà lunedì 21 marzo prossimo, con inizio alle ore 18, presso il circolo di Sinistra e Libertà in via Bixio 132 a Monopoli. E’ prevista la presenza di Alba Sasso, assessore regionale per il diritto allo studio e alla formazione, e Michele Ventricelli, consigliere regionale Sel. Come è noto la Regione Puglia ha investito 340 milioni di euro nel sostegno all’occupazione e nella promozione di nuovo lavoro per molti soggetti: donne, giovani, neo-laureati e ricercatori, immigrati e disabili.

Il sottosegretario in visita alle sedi delle Forze dell’Ordine

Prima di partecipare all’incontro, il sottosegretario Mantovano è stato in visita nelle sedi della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, dei Carabinieri e della Polizia municipale. A fare gli onori di casa i rispettivi comandanti: Bonato, Rutigliano, Di Costanzo e Palumbo. La visita è stata occasione per Mantovano di conoscere un po’ la realtà monopolitana ma anche alcuni problemi che interessano le sedi e il personale delle quattro forze di polizia.

Zazzera in piazza per la difesa della Costituzione

Il parlamentare dell’Italia dei Valori, Pierfelice Zazzera sarà in piazza Vittorio Emanuele a Monopoli sabato 12 marzo per una manifestazione in difesa della Costituzione. Ad affiancarlo ci saranno i giovani del Centro Studi-Formazione Politica ‘Il Cantiere dei Valori’. L’iniziativa pubblica, che comincerà alle ore 11, fa seguito ad un incontro-dibattito svoltosi il 18 febbraio scorso a Monopoli al quale hanno partecipato il presidente della Commissione Affari Costituzionali della Camera, Donato Bruno (Pdl) e il senatore dell’Idv, Felice Belisario. Entrambi concordarono sul fatto che l’attuale situazione politica non permette una riforma della Carta costituzionale (era il tema di quell’incontro).

Mantovano: no all’intervento armato in Libia

No all’intervento armato in Libia e spazio alla diplomazia; difesa della politica umanitaria del governo italiano; sicurezza e legalità nel nostro Paese. Su questi principali argomenti ha spaziato Alfredo Manotovano, sottosegretario al Ministero dell’Interno e coordinatore nazionale (di fresca nomina) dei circoli Nuova Italia, intervenuto a Monopoli ad un incontro organizzato dal locale circolo di cui è referente il consigliere comunale Pdl, Paolo Leoci. Che, nel suo intervento, ha spiegato i motivi per cui si è dimesso dagli incarichi che aveva nel partito (di coordinatore e di capogruppo consiliare) “per avere più tempo a disposizione dei cittadini e raccoglierne le istanze”. I circoli di Nuova Italia saranno l’anima critica del Pdl ha spiegato Vito Angelo Impedico, uno dei relatori. E Leoci, appunto, ne ha già dato dimostrazione di ciò nel corso dell’ultimo consiglio comunale quando ha criticato l’operato del sindaco Romani.

Il Pd contrario alla vendita dell’ex tendopoli di contrada Pagano

Il Partito Democratico è contrario alla decisione della giunta comunale di voler vendere (valore stimato: 5 milioni di euro) il terreno dell’ex tendopoli in contrada Pagano così come deliberato il 2 marzo scorso. I motivi della contrarietà li ha spiegati in una conferenza stampa il capogruppo consiliare, Giampiero Risimini. “Non condividiamo la scelta – esordisce – perché anche quest’anno l’amministrazione deve procedere alla vendita di una proprietà comunale per risolvere i problemi di bilancio”. Il Pd non è d’accordo sull’alienazione per tre motivi: politico, morale e tecnico. Sul piano politico perché “il territorio verrà deturpato una volta che sorgeranno le palazzine – afferma il capogruppo – mentre sul piano morale quella vendita rappresenta una vera e propria speculazione edilizia”. Per quanto riguarda l’aspetto tecnico, “ci risulta, ma questo ha bisogno di ulteriore verifica, - prosegue Risemini – che quel terreno sia di proprietà comunale in seguito ad una donazione e tra le modalità dell’atto figurerebbe un uso a favore della collettività, quindi pubblico”. Un ultimo aspetto, per il Pd non trascurabile, è la presenza di un ricorso per il Pug presentato da un cittadino che lamenta una disparità di trattamento per una sua proprietà privata che confina con il terreno dell’ex tendopoli.