Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Monopoli si arrende solo ai rigori (6-5) sul campo della Reggiana ma esce tra gli applausi dei tifosi emiliani

Per due volte in vantaggio i biancoverdi si fanno raggiungere sul 2-2. Decisivi gli errori di Zambataro e Paolucci

 

Il Monopoli si ferma al secondo turno della Coppa Italia Tim ma esce a testa molto alta dal ‘Mapei Stadium’ contro la Reggiana, che s’impone solo ai rigori per 6-5 dopo che i primi 90’ si erano chiusi in parità 1-1 e dopo il 2-2 al termine dei due tempi regolamentari. Entrambe le volte in vantaggio, i biancoverdi si sono fatti raggiungere da due calci di rigore dopo il primo vantaggio di Starita (pari di Cambiaghi) e il secondo di Montero su rigore (penalty di Marchi). Insomma, il rimpianto c’è perché la formazione monopolitana avrebbe meritato il passaggio del turno se Fusco e Montero non avessero sbagliato due clamorose palle-gol. Errori a parte, tutti i giocatori monopolitani scesi in campo sono da elogiare come il tecnico Scienza, in panchina da ex, che ha fatto un figurone di fronte ai tifosi reggiani che non lo hanno dimenticato per le sue gesta da giocatore.

La cronaca. Rispetto alla vittoriosa gara contro la Juve Stabia l’allenatore Scienza fa riposare Sales, Piccinni, Tazzer, Montero che sono tutti in panchina e spazio a Fusco, Arena, Guiebre e Samele. E’ proprio di Samele il primo pericolo che corre la Reggiana al 5’, ma il diagonale è di poco fuori. La formazione biancoverde (foto di repertorio) tiene bene il campo e la Reggiana solo su una punizione di Voltan si rende pericolosa ma Pozzer fa buona guardia e devìa in angolo. Il finale del primo tempo è dei biancoverdi che al 42’ concludono una bella azione con Arena di testa costringendo Voltolini ad un doppio intervento peer evitare la capitolazione. Nella ripresa la Reggiana opera due cambi: entrano Marchi per Voltan e Kargbo per Zamparo. Poi al 13’ entra pure Espeche per gli emiliani che vanno sotto al 15’: Arena serve Zambataro che imbecca Starita, la conclusione dell’attaccante non lascia scampo a Voltolini. Al 20’ doppio cambio tra i biancoverdi: Tazzer per Arena, Santoro al posto di Starita. Il Monopoli sembra padrone del campo e nel giro di tre minuti crea seri pericoli al portiere reggiano con Zambataro (sinistro di poco alto), Giorno (parata), Guiebre (pallone di poco fuori). Altri due cambi nel Monopoli: Montero e Piccinni rilevano rispettivamente Samele e Giorno. Al 31’ il portiere monopolitano Pozzer compie un capolavoro deviando in angolo una conclusione di Lunetta. Al 39’ il pari della Reggiana: da un errore di Mercadante gli emiliani sfruttano la velocità di Kargbo che viene a contatto con Giosa. L’arbitro Rapuano di Rimini decreta il rigore che trasforma Cambiaghi. Fino al 94’ non succede più nulla e si va ai supplementari. Nel primo dei due extra-time da segnalare solo un clamoroso errore di Fusco che sciupa un’occasionissima per riportare i biancoverdi in vantaggio. Un vantaggio che giunge all’inizio del secondo tempo supplementare: Montero si guadagna il rigore che lo stesso attaccante spagnolo trasforma con un tiro all’incrocio dei pali. Nuovo pari e nuovo rigore per la Reggiana all’8’ per fallo di Giosa su Lunetta. Dal dischetto Marchi non sbaglia il 2-2. La squadra biancoverde non accusa il colpo e si ributta in attacco alla ricerca del gol che Montero si divora letteralmente all’11 a pochi passi dalla porta. Passano due minuti e Montero questa volta inquadra lo specchio della porta ma il suo sinistro viene neutralizzato da Voltolini. La squadra biancoverde chiude in attacco il match ma l’ultimo calcio d’angolo non sortisce l’effetto sperato. Si va ai rigori. La Reggiana ne realizza quattro (Espeche, Gyamfi, Marchi e Radrezza) e ne sbaglia uno (Pezzella, para Pozzer), il Monopoli ne mette a segno tre di seguito (Mercadante, Santoro e Montero) e sbaglia gli ultimi due con Zambataro (pallone alto) e Paolucci. La Reggiana passa il turno per 6-5 e se la vedrà con il Cosenza. I biancoverdi ricevono gli applausi dei mille tifosi reggiani.