Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Terza sconfitta consecutiva del Monopoli, il Foggia coglie il successo con il jolly Garofalo

La società biancoverde ordina il silenzio stampa a tutti i suoi tesserati. Il 16 dicembre recupero della gara ad Avellino

 

Per il Monopoli è un periodaccio: nella domenica in cui ottiene il primo rigore della stagione, trasformato da capitan Mercadante (nella foto), e va in rete con un attaccante, Samele nell’occasione, non riesce a vincere. Anzi, la squadra rimedia la terza sconfitta consecutiva e la dirigenza monopolitana impone ai suoi tesserati il silenzio stampa. Il Foggia vince il derby per 3-2 e a deciderlo è Garofalo al 41’ della ripresa, il jolly che il tecnico foggiano Marchionni aveva inserito una manciata di minuti prima. Se Garofalo è stato decisivo anche il portiere 38enne dei satanelli Fumagalli non è stato da meno parando sulla linea di porta al 48’ del secondo tempo un pallone colpito di testa in mischia da un giocatore monopolitano e sarebbe stato il pari. Per non parlare dell’altro miracolo al 44’ del primo tempo (sul punteggio di 2-2) respingendo di piede un colpo di testa di Giosa su una punizione dello specialista Lombardo.

 

Le reti. In precedenza al 4’ Curcio aveva aperto le marcature su una punizione dai 20 metri che il portiere monopolitano Menegatti non ha saputo respingere facendosi piegare le mani da un pallone scagliato con potenza. E Mercadante al 14’ aveva pareggiato i conti, sempre su rigore, per un fallo in area foggiana di Curcio su Paolucci. Non pago del pareggio, il Monopoli ha trovato la forza per insistere andando meritatamente in vantaggio al 29’ con un sinistro sottoporta di Samele che si è insaccato all’incrocio dell’incolpevole Fumagalli (davvero un gran gol ma bello anche l’assist di Starita). Al 42’ è tornata la parità su un calcio di rigore di Curcio per una trattenuta in area di Zambataro ai danni di Kalombo. Nella ripresa non è praticamente avvenuto nulla di particolare se si esclude un pasticcio tra Giosa e Pozzer (entrato nel secondo tempo per l’infortunio alla mano di Menegatti) per fortuna conclusosi con un calcio d’angolo. Detto del gol di Garofalo e della parata di Fumagalli la cronaca ha registrato l’espulsione, per doppio cartellino giallo, di Arena al 90’ (la sua partita è durata solo 10’). Mercoledì 16 dicembre si torna nuovamente in campo per recuperare la gara di Avellino dell’ex Fella.