Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per fronteggiare la Juve Stabia occorrerà essere spavaldi, aggressivi e corsaioli, il Monopoli proverà a fermarla

La squadra biancoverde è partita per la Campania senza gli infortunati Sounas, De Angelis e Fabris

 

Da sabato 20 ottobre comincia un autentico tour de force per il Monopoli. Nell’ordine la squadra biancoverde affronterà in trasferta la Juve Stabia e poi Catania (23 ottobre) e Catanzaro (27 ottobre) al Veneziani: tre squadre che ambiscono al salto di categoria. Per i biancoverdi saranno impegni che misureranno la loro forza in un torneo che finora è andato avanti più nei tribunali che sui campi di calcio. In poche parole: campionato indecifrabile. Con la speranza che la prossima sia una settimana decisiva per mettere fine ai contenziosi. Chiusa la parentesi, il girone C si appresta a disputare l’ottava giornata e, come detto, tra gli incontri di cartello c’è Juve Stabia-Monopoli (fischio d’inizio alle ore 20,30, arbitra D’Ascanio di Ancona). I campani hanno vinto le cinque gare che hanno disputato e sono distanti un solo punto dalla capolista Trapani, che ha giocato sette partite. Insomma, le ‘vespe’ sono a punteggio pieno e sono reduci dalla schiacciante vittoria sul campo del Catanzaro (0-3). Lo stadio ‘Menti’ sarà una bolgia ed i tifosi di casa sono ansiosi di tributare applausi ai propri beniamini. “Abbiamo le armi per fronteggiare la Juve Stabia – ha ammonito l’allenatore del Monopoli Beppe Scienza in conferenza stampa – e per contrastarli occorre essere spavaldi, aggressivi e corsaioli”. La comitiva biancoverde è partita per la Campania senza tre pedine importanti dello scacchiere: Sounas, De Angelis e Fabris, tutti alle prese con infortuni di vario genere ed entità. Il greco potrà tornare convocabile per la gara col Catania. Più difficile il recupero degli altri due per il successivo incontro col Catanzaro.