Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mal d’attacco è cronico ed il Monopoli non va oltre lo 0-0 contro il Catanzaro

Cinque occasionissime capitate a Doudou (tre volte) e Gerardi (due) contro una del calabrese D’Ursi

 

Quando si hanno cinque occasioni ghiotte per far gol e non si riesce a realizzarlo è lecito parlare di malattia cronica che soffrono gli attaccanti monopolitani: è accaduto contro il Catanzaro dopo che era successo a Potenza e nelle altre due gare interne con Trapani e Catania, tutte finite con lo 0-0. Pugliesi e calabresi restano appaiati in classifica con 10 punti ciascuno ed è una magra consolazione dire che il Monopoli avrebbe ampiamente meritato la vittoria. Infatti, di fronte alle cinque occasionissime capitate a Doudou (tre volte) e Gerardi (due) il Catanzaro solo in un’occasione ha avuto l’opportunità di impensierire la retroguardia di casa. E’ capitato sulla testa di D’Ursi al 43’ della ripresa alzare sopra la traversa un pallone di testa quando era tutto solo davanti a Pissardo. Sarebbe stata una beffa ma per fortuna è andata bene. Ora l’attenzione si sposta alla Coppa Italia con il turno ad eliminazione diretta di martedì 30 ottobre ancora al Veneziani (ore 20,30) contro il Francavilla Fontana.

 

La cronaca. Mister Scienza cambia nuovamente formazione dopo l’infortunio nella rifinitura di Berardi, che si aggiunge agli altri indisponibili Sounas, De Angelis e Montinaro. Nell’undici iniziale entra Paolucci, libero di inserirsi tra i due attaccanti Doudou e Gerardi. Il ‘colored’ biancoverde quando parte è devastante per la difesa calabrese. Nell’ordine Doudou confeziona il primo pericolo al 3’ con conclusione di poco a lato dopo essere partito dalla trequarti di campo, il secondo al 18’ ma si perde al momento di concludere e al 21’ porge a Gerardi una palla che l’attaccante friulano colpisce con la suola dello scarpino finendo di un soffio a lato del palo. Il frizzante primo tempo si chiude con due conclusioni (la seconda direttamente su punizione) di Giannone. Schieramenti invariati nella ripresa che si apre con la prima delle due altre occasionissime dei biancoverdi per sbloccare il risultato. Al 6’ angolo di Scoppa e Gerardi di testa permette ad Elezaj di respingere il pallone con i piedi proprio sulla linea di porta. Al 9’ nuovamente Doudou pericolosissimo: dopo un continuo zigzagare in area l’attaccante monopolitano si libera per il tiro ma la palla finisce altissima sulla traversa. Stessa sorte (ma questa volta di poco sopra la trasversale) per il colpo di testa di D’Ursi già descritto.