Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

All’Action non basta un super Torresi, il monopolitano Laquintana trascina il Ruvo che pareggia la serie

Gara#2 si chiude con il successo degli ospiti per 74-89, ora due incontri in trasferta

 

Il Ruvo si prende la rivincita e pareggia la serie 1-1 della finale per la promozione in serie B. Sul parquet di Mola di Bari all’Action Now Monopoli non è bastata la grande serata di capitan Torresi (miglior realizzatore del match con 38 punti) per vincere anche gara#2. Il Ruvo, trascinato dal monopolitano Vanni Laquintana, autore di 34 punti, si è imposto per 74-89 al termine di una gara condotta sempre in vantaggio (a parte l’iniziale equilibrio). Ora ci saranno le due gare a Ruvo (domenica 19 e giovedì 23 maggio) e la squadra monopolitana ne dovrà vincere almeno una per poi giocarsi eventualmente la promozione in serie cadetta nella quinta gara da disputare a Mola di Bari. A parte qualche discutibile decisione degli arbitri, il successo dei ruvesi è meritato perché sin dall’inizio sono entrati sul parquet col giusto piglio ed una condizione atletica invidiabile limitando la fonte di gioco dell’Action Paparella (solo 4 punti all’attivo) e pressando i monopolitani lungo tutto il campo. E sotto le plance Jovic e Bagdonavicius hanno quasi sempre avuto la meglio ai rimbalzi, approfittando della serata poco felice di Bosnjak. E poi ci sono da aggiungere le basse percentuali dei giocatori monopolitani al tiro, capitan Torresi a parte. In questo contesto, comunque, la differenza l’ha fatta Laquintana, soprattutto nell’ultimo quarto quando l’Action ha dato l’impressione di rientrare in partita (da -20 si è passati al -8). Due sue triple, un canestro da 2 e 2 tiri liberi andati a segno hanno praticamente tarpato le ali alla compagine biancazzurra chiudendo la contesa. Un’ultima nota e riguarda il pubblico monopolitano: è accorso numeroso come non si era mai visto e la delusione è apparsa evidente a fine partita.  Ma il bello può ancora venire. Ora la squadra dovrà necessariamente ricaricare le batterie mentali e fisiche come ha già fatto durante la stagione. L’Action Now è in grado di uscirne fuori quando meno te l’aspetti.