Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le interviste/Mister Scienza: bravi tutti per aver interpretato al meglio le mie disposizioni

La felicità del veterano Jefferson e del giovanissimo Tazzer per il meritato successo

 

Nessun dubbio sulla legittimità del successo per 2-0 del Monopoli sul campo della capolista e imbattuta Ternana con reti di Fella (nella foto di Latorre il gol che ha sbloccato il punteggio) e Jefferson: lo hanno candidamente ammesso l'allenatore della Ternana Gallo e i giornalisti umbri in sala stampa, dove si sono presentati il tecnico dei biancoverdi Beppe Scienza, l’attaccante Jefferson, autore del secondo gol, e il giovanissimo Tazzer, che ha praticamente annullato il suo avversario diretto Mammarella.

 

Scienza. L’allenatore del Monopoli Scienza ha parole di ringraziamento per tutti i giocatori che ha impiegato. “Tutti indistintamente – riferisce – hanno interpretato al meglio le disposizioni che avevo dato per tutta la settimana. Alla Ternana abbiamo impedito di fare gioco tra le linee ed il nostro centrocampo ha svolto per bene il compito assegnato. Fella la spalla di Jefferson? In attacco ho l’abbondanza e la gestione non sarà facile. Forse tutti si aspettavano che schierassi Cuppone dopo la buona prova col Catanzaro. Invece in settimana ho visto Fella in buone condizioni e l’ho schierato. Il suo gol? Ne ha fatto uno simile proprio nella gara di giovedì contro la Berretti e quello di oggi è un gran gol perché ha bruciato sul tempo la difesa avversaria. Le favorite? Bari, Catanzaro, Ternana, Catania e Reggina si contenderanno il primo posto.

 

Jefferson. “Per me è un motivo d’orgoglio aver segnato – dice l’attaccante brasiliano – dopo due mesi di sofferenza ma tutti siamo stati bravi e l’allenatore Scienza ci ha preparati al meglio. E’ una vittoria che fa certamente morale”.

 

Tazzer. Al giovanissimo esterno di centrocampo Tazzer i complimenti giungono dai giornalisti ternani che lo indicano tra i miglior in campo. Una gara di personalità durante la quale Mammarella, il suo dirimpettaio, non ha potuto incidere come è solito fare. Tazzer, naturalmente, ringrazia “ma – sottolinea – non è stata facile tanto che alla fine ho dovuto chiedere il cambio per i crampi”. Anche per lui il successo rappresenta una notevole iniezione di fiducia per tutta la squadra.