Per il Monopoli continua la maledizione delle squadre campane: la Paganese porta a casa il successo

Finora la compagine monopolitana non è mai riuscita a spuntarla. Calil il match winner 

 

Il Monopoli comincia il 2020 alla stessa maniera con la quale aveva chiuso il 2019: con una sconfitta interna. L’indigestione delle squadre campane continua. Anzi, la Paganese fa doppia festa. Dopo il successo della gara d’andata la compagine di Pagani concede il bis al Veneziani. Match winner è Calil, subentrato poco prima al posto di Musso. L’attaccante campano realizza il gol del successo al 29’ concludendo un’azione sulla quale la difesa monopolitana (soprattutto Ferrara) non è esente da colpe. Davvero irriconoscibile la compagine monopolitana che ha sbagliato una miriade di passaggi facili ed è apparsa molto appesantita e lenta nei movimenti, probabilmente dovuti ai carichi di lavoro svolti durante la sosta del campionato. Non è un dramma la sconfitta ma è chiaro che occorrerà rimboccarsi le maniche e ripartire con il piglio giusto. Anche questo è mancato nel confronto con la Paganese che non ha fatto nulla di trascendentale ma che ha sbagliato poco o nulla occupando bene ogni porzione di campo.

 

La cronaca. Davvero poche le azioni pericolose. La prima capita al 15’ sul destro di Giorno, ben servito da Fella: una sorta di rigore in movimento che il regista biancoverde spreca alzando il pallone oltre la traversa. La risposta della Paganese è affidata ad un colpo di testa di Musso respinto da Antonino. Dopo un’ammonizione a Piccinni (fallo inutile), Hadziosmanovic impegna Baiocco alla respinta su un potente destro dai 25 metri. L’inizio della ripresa vede ancora Antonino smanacciare un insidioso pallone nei pressi della propria porta. Poi comincia la serie delle sostituzioni. Decisiva quella di Calil, bravo e un po' fortunato nella realizzazione del gol che ha deciso la partita. Non sono stati fortunati Salvemini e Donnarumma, anche loro subentrati a gara in corso. L’attaccante si è visto respingere in corner da Baiocco un colpo di testa, mentre il tornante ha sfoderato un destro che ha fatto la barba alla traversa.