Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parcheggio aree blu: si parte il 23 gennaio, prezzi invariati con l’eccezione dell’anello di piazza Vittorio Emanuele II

Diminuiti gli stalli a pagamento, maggiori introiti al Comune. Le critiche di ‘Manisporche’: “fumo negli occhi” 

 

Più parcheggi liberi (circa 170 pari al 20%), possibilità di sottoscrivere gli abbonamenti anche online e maggiori introiti al comune di Monopoli (dal 42% al 58% degli incassi): queste le novità della gestione affidata quest’anno (e per altri quattro) alla Sis-Mobility Solutions a partire da lunedì 23 gennaio 2023 e illustrate in conferenza stampa, alla presenza, tra gli altri, del sindaco Angelo Annese, dell’assessore Aldo Zazzera e del comandante della Polizia Locale Saverio Petroni. Nel centro murattiano sono stati eliminati gli stalli da Piazza Sant’Antonio, via Roma, via Bixio (dall’incrocio con via Marsala all’incrocio con via Cadorna), via Perricci, via Cavour (dall’incrocio con via Luigi Indelli a via Cadorna) e via Cadorna (da via Bixio a Piazza D’Annunzio). La sosta a pagamento è prevista tutti i giorni, feriali e festivi dalle 08.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 20.30 (da ottobre a maggio) e tutti i giorni, feriali e festivi dalle 08.30 alle 01.30 (da giugno a settembre). Con tariffa oraria di 1,00 euro/h, frazionabile e tariffa minima di euro 0,50. In Piazza Vittorio Emanuele II gli abbonamenti non sono validi e la tariffa oraria è pari a 2,00 euro/h, frazionabile e con tariffa minima di € 0,50. Per la sottoscrizione degli abbonamenti è possibile recarsi presso la sede del gestore SIS-Mobility Solutions in Via Castefidardo n. 37. Per l’acquisto del ticket virtuale sarà attiva l’app PrestoPark. Per ulteriori informazioni consultare il sito del comune di Monopoli.

 

Manisporche. In un comunicato, il Movimento ‘Manisporche’ non lesina critiche all’amministrazione comunale in merito alla nuova gestione delle aree blu. “E’ fumo negli occhi” si afferma nella nota perché l’amministrazione comunale “punta a marginalizzare le possibilità dei monopolitani di vivere la propria città a favore di frotte di turisti per cui tutto è dovuto ed ogni cosa è lecita”. L’esempio, secondo Manisporche, viene dagli stalli stagionali in prossimità delle aree balneari (zona Capitolo e via Procaccia) dove “si permette l'uso degli abbonamenti che le strutture ricettive cedono ai propri ospiti ma non si permette ai monopolitani residenti titolari di abbonamento, anche a pagamento, di poter utilizzare i propri, costringendoli a dover pagare (oltre all'eventuale abbonamento) anche la tariffa oraria che, soprattutto nella zona balneare cittadina e nell'area più vicina al centro storico arriva ai 2 euro”. “A questo – prosegue il comunicato - si aggiunga la scelta di un'unica fascia giornaliera per il periodo da giugno a settembre che va dalle 8 di mattina all'una e mezza di notte che costerà ai cittadini fior di quattrini. Se mai qualcuno avesse avuto il dubbio, l'amministrazione Annese ancora una volta palesa il suo obiettivo: fare di Monopoli una città ad esclusivo appannaggio di turisti e forestieri, limitando anche la possibilità di fruire dei parcheggi nelle zone balneari, dopo aver ridotto all'osso le aree di balneazione libera”.