Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bancarotta fraudolenta aggravata: scattano quattro denunce e sequestro di un capannone ed un locale

La complessa operazione eseguita dalla Guardia di Finanza di Monopoli a Polignano a Mare  

 

Quattro soggetti di Polignano a Mare, legati da vincoli familiari e amministratori di fatto e di diritto, sono stati denunciati per bancarotta fraudolenta aggravata e privati di un capannone industriale e un locale commerciale, del valore di un milione e 200 mila euro, ubicati a Polignano a Mare e sottoposti a sequestro. L’operazione è stata eseguita dai finanzieri della Compagnia di Monopoli. Secondo quanto emerso dalle indagini, i quattro, attraverso la fittizia cessione di immobili, avrebbero depauperato il patrimonio di una prima azienda a loro riconducibile, attiva nel settore della vendita di prodotti chimici, a favore di una società, sempre facente capo a loro, costituita ‘ad hoc’ e mai divenuta operativa. Il pagamento degli immobili sarebbe avvenuto attraverso l’accollo da parte dell’acquirente dei mutui esistenti, per oltre un milione di euro, e per la parte residua pari a 120.000 euro, con la corresponsione di quattro assegni non datati. Gli stessi, mai posti all’incasso, sono stati rinvenuti dagli investigatori presso la sede della società acquirente unitamente a documentazione contabile, extracontabile e bancaria. Inoltre, la società venditrice avrebbe continuato a corrispondere talune rate dei mutui oggetto di accollo anche successivamente alla data della cessione degli immobili, facendo presumere l’esistenza di un unico centro di interessi.