Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il consiglio comunale approva il bilancio di previsione 2023-2025: le tasse restano invariate

Confermate le agevolazioni per i cittadini meno abbienti. La tassa di soggiorno porta in cassa 700 mila euro

Con 13 voti favorevoli da parte dei consiglieri comunali di centrodestra e 7 contrari (gli assenti erano 5) il consiglio comunale di Monopoli ha approvato il bilancio di previsione 2023-2025 che non prevede alcun aumento di tasse e che conferma le agevolazioni per i meno abbienti. Tra i dati da registrare l’introito di quasi 700 mila euro di tassa di soggiorno. Insomma, secondo il sindaco Angelo Annese e l’assessore alle Finanze, Alessandro Napoletano alla futura amministrazione viene consegnato un bilancio virtuoso che non presenta alcun indebitamento. Proprio il sindaco Annese aveva iniziato la seduta facendo il sunto dell’attività svolta durante il suo mandato, iniziato nella primavera del 2018. Dopo aver ringraziato il team dirigenziale amministrativo, la sua squadra di assessori ed i consiglieri di maggioranza ed opposizione, Annese ha ricordato i risultati positivi raggiunti nella raccolta differenziata dei rifiuti, nella lotta all’evasione fiscale, nell’aver ottenuto la Bandiera Blu, il Distaccamento permanente dei Vigili del Fuoco. “Monopoli – ha detto il sindaco - ha una economia florida, che spazia dall’agricoltura alla pesca all’industria e in forte crescita in questi ultimi anni, il turismo, ma non si può tralasciare anche il commercio perché tante sono le attività aperte nella nostra città negli ultimi anni sia piccole che di medie dimensioni”. Annese ha annunciato che “a breve partiranno i lavori per la creazione di una piattaforma logistica nell’area della ex Tognana ed anche qui sono previste un bel po’ di assunzioni”. Tra i problemi da non trascurare ci sono i parcheggi e l’emergenza abitativa. Il sindaco ha citato un solo dato sui finanziamenti ottenuti e confermati: si tratta  di 34.658.000 euro, di cui € 24.309.000 da PNRR e i restanti € 10.349.000 di altra natura (UE, Stato e Regione). “Una cifra che, insieme al cofinanziamento comunale, consentirà di cambiare il volto della città” ha sottolineato il sindaco.